Brand new Eskimo

Sono pochi gli oggetti veramente in grado di cambiare la qualità della vita, uno di questi è l’Eskimo. Dal primo momento in cui se ne indossa uno è tutta un’altra musica. Innanzitutto l’aspetto: l’Eskimo rende sessualmente irresistibili. In ogni capo appena uscito di fabbrica vi è, nella tasca sinistra, un piccolo forcone per ammucchiare ai lati della strada le donne che si affollano ai piedi dell’Eskimo. Questo cappotto, simbolo di una generazione rivoluzionaria, conferisce un’aria da intellettuale coerente e sbarazzino, ad oggi il miglior profilo per far innamorare un target molto ampio di ragazze.

Tutte le porte sono aperte per chi indossa l’Eskimo, in ogni discoteca si entra gratis e si può parcheggiare in divieto di sosta. L’Eskimo dà il potere di veto sulle risoluzioni ONU e permette di respingere alle camere le leggi approvate dal Parlamento. Entrando in qualsiasi banca con l’Eskimo si avrà credito illimitato, riscuotibile direttamente dal bancomat.

Nell’antica Grecia tutti gli dei indossavano l’Eskimo, per proteggersi dal clima glaciale del monte Olimpo. Spostandosi ancora più indietro nel tempo, i vangeli apocrifi narrano di un quarto re magio che portò un Eskimo in dono al piccolo Gesù. Molti altri sono i casi in cui l’Eskimo si incrocia con la storia, da quello che vestiva Monna Lisa prima di essere spogliata e ritratta da Leonardo, fino a Vittorio Emanuele ordinò di coprirsi a Garibaldi, che mise su l’Eskimo mentre urlava “Obbedisco!”.

Tutti i possessori di Eskimo si incontreranno al prossimo G8, dove decideranno su economia e stile. Già pronto il piano per fronteggiare le proteste violente dei cosiddetti black block, ovvero una massa di giovani figli di papà vestiti eleganti ma casual.

Qui di seguito il video di un Eskimo in azione.

4 commenti

Archiviato in biografologia, Cinematografo

4 risposte a “Brand new Eskimo

  1. Io ho un parka.

    Ossia, quella cosa militare verde che tutti chiamano eskimo.

  2. Be’, il mio parka è costato quindic’euri, è roba per fascisti proletari.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...