Ingrediente di viralità

L'indovinello

Un uomo entra in un pub e chiede un bicchiere di acqua del rubinetto. Il proprietario tira fuori un fucile a pompa e lo punta verso l’uomo. L’uomo ringrazia il proprietario e se ne va. Perchè l’uomo ringrazia il proprietario?

Ecco un bell’esempio di marketing, questo indovinello è proposto da una pagina facebook dal titolo:

Il 95% delle persone non riesce a risolvere questo indovinello

Cliccando su “Mostra soluzione” si viene automaticamente aggiunti ai fan della pagina. L’ingrediente della viralità è l’indovinello e la sfida all’utente, che si scervella per trovare la soluzione e poi per curiosità clicca sul pulsante per vederla. I fan sono già 14.000 ed aumenteranno a dismisura, onore al merito di chi ha partorito l’idea. La soluzione, ai fini dell’osservazione del fenomeno, è meglio non rivelarla: con questo post sto infatti sfruttando la diffusione della pagina dell’indovinello, dato che gli utenti cercano su google il testo e arrivano qui. I soliti furbetti, ma qui non rivelerò la soluzione, così che la pagina cresca ancora di più.

Update: subito i primi emuli, nuovo esperimento in corso con la pagina “10 regole che le donne dovrebbero imparare dai film porno“. Dove si pone la domanda: “che cosa voi donne dovete imparare dai film porno?”. Per avere la risposta bisogna diventare fan, vediamo se supereranno i 300.000 dell’indovinello. Porno vs curiosità, vinca il migliore.

Annunci

53 commenti

Archiviato in io me piasse ncolpo

53 risposte a “Ingrediente di viralità

  1. biancaneve.90

    nn la riveli xkè sei un coojione, ke fumenti altrettante cojionate

  2. carlo

    io, per odio verso chiunque usi metodi subdoli, non mi sono aggiunto ai fan e ho preferito cercare con google: l’unico risultato mi ha portato a questa pagina 😀
    (quindi non esiste una soluzione, eh? sigh.)

  3. Daniele

    Bastardo ahahahahah…. quanti accessi hai giornalieri… cmq bell’idea anche la tua..

  4. Vibeke

    il tizio ha… [nonvelodico!] 😉

  5. Michele

    Idem, come sopra. Anche io come Carlo non ho cliccato sulla pagina di facebook, ho cercato direttamente su google e sono finito qui.
    Odio queste tecniche subdole e anche il marketing in generale. E per principio non clicco mai e non mi aggiungo mai a questi stupidi gruppi e catene di sant’antonio su facebook.
    Grazie comunque per avermi portato a conoscenza del marketing virale. Vado a studiarmelo su wikipedia. Per combattere il proprio nemico bisogna conoscerlo…

    Un saluto

  6. Lapo

    @carlo
    hanno saggiamente cambiato alcune parole per far si che non si trovasse la soluzione su internet

  7. Ho creato io la pagina, grazie per la segnalazione.

  8. FraSe

    Il cliente aveva il singhiozzo. Puntandogli il fucile contro lo fa spaventare, facendogli passare il singhiozzo.
    Così difficile?
    Complimenti Paolina, una visita e un commento in più….mente subdola.

  9. ecco la soluzione…MERDEE

    1. L‘uomo ha un terribile sighiozzo. Il barman gli fa prendere uno spavento e il sighiozzo passa. Quindi lo ringrazia e poi se ne va.

  10. soluzione

    L’UOMO AVEVA IL SINGHIOZZO!!!! e ora mi levo da essere fan così ho fregato tutti 😛

  11. soluzione

    penso che creerò un gruppo con la soluzione, odio anche io questie catene

  12. Giorgio 93

    PUBBLICALO QUESTO!

    L’uomo aveva il singhiozzo e con lo spavento gli è passato.
    è un indovinello vecchio come il pane!
    il nostro amico ha sostituito la parola “bar” con “pub” e “acqua” con “acqua del rubinetto”..per questo su internet non si trova la soluzione.

    ciauzz

  13. i commenti con la soluzione verranno pubblicati a breve…

  14. klebe

    sono uno di quei furbetti, che cercava la soluzione senza diventare fan e sono caduto nel tuo tranello! Complimenti 😉

  15. Omar

    Ragazzi la so io la soluzione lasciate perdere questo imbecille e divulgatela ridendo alla faccia sua!

    L’uomo ha il singhiozzo, il barista lo spaventa e all’uomo passa. Dunque lo ringrazia perché non ha più bisogno di bere.

    Ciaooooo

  16. noi

    singhiozzo.
    il 95% sono gli stessi ignoranti che votano berlusconi.

  17. paola

    ti diverti con poco…..

  18. Solutioneer

    perché l’uomo ha chiesto l’acqua per farsi passare il singhiozzo, ma
    quando si è spaventato per il fucile gli è passato, dunque ringrazia e
    va via.

  19. piffi

    era Bar Boe (o Moe)

  20. la soluzione è: l’uomo aveva il singhiozzo!!!quindi anche non bevendo al signore è passato il singhiozzo e per questo ha ringraziato!!!per avere la soluzione basta cliccare all’infinito sul tasto SOLUZIONE in modo continuo per moltissime volte e poi vi appare scritto!!

  21. Fabrizio

    E comunque una volta letta la soluzione ci si può sempre rimuovere dall’essere fan eh…lol

  22. GRANDISSIMA STRATEGIA PER ATTIRARE L’ATTENZIONE ANCHE SE NON IMMEDIATA COME SCRIVERE IN CAPSLOCK. ahhaha

    Complimenti 😉

    • Luk

      Ahahah vero non è immediata ma come strategia non mi sembra grandissima, la tua semmai è grandissima ahaha

      PS non aderite a quel gruppo del cavolo!

  23. Paolo

    Caro Davide, creatore della pagina, più che le potenzialità del viral marketing su Facebook hai dimostrato quanto siano “predisposti alla viralità” gli italiani

    una pagina simile c’è in inglese, da tempo, ma non si è diffusa così velocemente

    neanche l’idea quindi è originale

  24. nancy

    bra! comunque come ho fatto io è molto più divertente.. mi sono rimossa come fan, perchè io sono un genio, e questo è quanto. tu no comunque. ciao.

  25. zero

    e se l’uomo avesse ringraziato il barista per tenerselo buono, mentre lui tagliava la corda?

  26. E’ l’indovinello più idiota che abbia mai sentito.
    Zero logica, zero astrazioni mentali, zero tutto.

    “Ha il singhiozzo”. Certo, e tipicamente un barista ti punta un fucile, quando chiedi dell’acqua. Vorrei usarlo su chi scrive queste cose, il fucile.

    Se volete un paio di indovinelli tosti (di cui purtroppo temo ci sia la soluzione in giro, a conferma del fatto che internet è lo strumento dell’idiota) fate un fischio.

  27. ma tanto ora si diventa fan di tutto. Prendi un maiale (animale), gli fai una pagina su facebook dicendo che canta il karaoke, balla e gli piacciono le donne e diventa l’idolo della massa.

  28. ma guarda i coglioni che si affannano a dare la risposta e insultano pure Peolina Borghese per l’esperimento… e fra l’altro si credeno pure dei furbacchioni!
    la demenza italica non ha prezzo

  29. Vincenzo

    In uno slancio di generosità ho creato appositamente la pagina “10 cose che tutti dovrebbero imparare da Faceb00k”. Magari così ve la piantate con tutte queste catene di S.Antonio…

    http://www.facebook.com/pages/10-COSE-CHE-TUTTI-DOVREBBERO-IMPARARE-DA-FACEB00K/355749548951?ref=nf

  30. Pingback: Top Posts — WordPress.com

  31. Facebook raccoglie dati eccome, dato che è il “padrone” del sistema. Lui ha diritto di sapere, se gli interessa, cosa visitiamo, quando, a che ora, con qualche deduzione anche il perché. Poi il discorso privacy sta nel non far uscire queste informazioni, che tra l’altro non interessano a nessuno, quindi facessero pure quello che vogliono.

  32. vai a cagare

    l’ho scoperto da solo puzzone ahahahahah

  33. In ogni caso non è un grande esempio di viralità – ammesso e non concesso che sia un caso ascrivibile al viral marketing. In effetti ha in comune con il viral il fatto di essere un trucco, ma allora ad essere virali sarebbero in molti (dalle bamboline al mago merlino); non è abbastanza.
    Quello che fa il virale non è farti credere in una cosa (c’è un indovinello a cui non so rispondere e per soddisfare la mia curiosità devo premere un tasto) per poi compiere l’azione più ragionevole producendo un effetto ingannevole (volevo solo la risposta e mi trovo iscritto), ma produrre qualcosa di reale (siti con informazioni false, persone che si aggirano nella metropolitana di una città fermandoti e facendoti delle domande ecc…) che a sua volta ti contagi sia nel comportamento (cerco il sito, leggo le info, parlo e rispondo all’estraneo in metro) che nelle credenze. Virale è il contagio che va dalla campagna pubblicitaria al reale che viviamo quotidianamente, non il semplice fatto che tante persone non sapendo la risposta ad un vecchio indovinello premono un tasto e sono troppe pigre per premerne un altro: quello che li cancellerebbe da gruppo di cui sono diventati fan!

    Bad viral!

  34. Quelle fan page non le sopporto proprio..
    SI iscrivono tutti poi tra l’altro, e i gruppi sono tutti uguali >.<

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...