Un pedofilo non è un cannibale

 

il cardinAl Bertone

Il Belgio è il paese dove si corre la Liegi-Bastogne-Liegi, dove è nato “il cannibale” Eddy Merckx, il più grande di tutti i tempi. Oltre a questo, il Belgio è famoso perché adesso sta indagando sulla Chiesa, una, santa, cattolica e apostolica. Notizia di questi giorni, la polizia belga con un blitz è entrata nella cripta di una cattedrale per prendere due vescovi ed interrogarli. Il tutto a seguito delle indagini che stanno facendo luce su alcuni casi di abusi su minori da parte di sacerdoti.

Il cardinale Bertone si è scagliato contro la magistratura belga, colpevole di aver trattato i vescovi come dei delinquenti, avendo perquisito le loro case, i loro uffici, e avendoli interrogati per nove ore. Le ragioni del cardinale sono lampanti: i vescovi non sono delinquenti, al massimo pedofili, ma non delinquenti. E neanche pornostar. L’osservatore Romano, che è un tizio che sta tutto il giorno ad osservare col binocolo dalla sua terrazza a trastevere, ha rincarato la dose contro la magistratura belga. Di codesto osservatore, è interessante una delle tante osservazioni di oggi: “Un blitz nella cripta di una cattedrale, come fosse il cuore di una organizzazione criminale“.

Il Belgio vedrebbe la chiesa come una organizzazione criminale, come la Camorra insomma. Eppure le differenze sono abissali, un paragone simile denuda pregiudizio e disonestà. La Camorra nella sua storia ha ucciso migliaia di persone, con i mezzi più abietti. Agguati, torture, gente bruciata viva, tipo Giordano Bruno. La Camorra non è democratica, i suoi leader rimangono in carica finché non muoiono. A differenza della Chiesa, il nuovo leader evita di farsi vedere in giro una volta eletto. La Camorra ha un giro di affari che riguarda ogni branca dell’economia, e ricicla soldi provenienti dalle azioni più losche. Ma non può rendere legali questi soldi, come fa la Chiesa con lo Ior.  La Camorra ruba soldi dallo stato, ma per farlo è costretta a truffare, corrompere politici. Non può certo beneficiare dell’otto per mille. La Camorra governa grazie alla forza imposta con la minaccia di morte, con la paura di morire. Ma dopo la morte, la Camorra non ti promette nulla. La vera differenza tra la Camorra e la Chiesa, quella che l’osservatore romano vuole evidenziare, è che la Chiesa non ha bisogno delle armi.

22 commenti

Archiviato in argite, Flanders, giornalismi d'antan

22 risposte a “Un pedofilo non è un cannibale

  1. Rick23

    Una volta tanto mi piacerebbe che il cardinal bertone (tutto minuscolo di proposito) si scagliasse contro i preti pedofili, i loro complici e chi ha fatto di tutto perchè non venisse niente a galla, invece di perdere tempo in vaneggiamenti contro la magistratura…
    caro cardinale, almeno una volta faccia qualcosa di cristiano….
    non perda tempo a imitare e pure male, il suo idolo di palazzo chigi!

  2. Non se ho ragione. Il mio punto di vista è che la Chiesa avrebbe dovuto agire con più saggezza. A nessun genitore si può far accettare di avere un bambino abusato! A nessun genitore si può far accettare che il proprio figlio cambi e psicologicamente diventi un futuro pedofilo, come poi spesso sono portati a diventare, oppure cambia modo di vivere con mille problemi psicologici e grande infelicità nella vita come è successo a molti, e tutto perchè chi aveva potere e poteva intervenire per un non so quale progetto mentale ha abusato anche della ingenuità dei fedeli e si è sempre lasciato correre, lasciando liberi di agire a persone che non erano degne. Di chi è la colpa di tutto questo? I belgi sicuramente sono esasperati, e il cardinal Bertone sarebbe stato più saggio se avesse provato a capirne le ragioni che non sono lievi e soprassedesse dall’essere intransigente mentre sarebbe stato più giusto esserlo con i preti pedofili, cose che non sembra sia accaduto, mentre ora si offendono senza giustificazione, perché se c’è in Belgio questa reazione è il frutto del menefreghismo di chi nella Chiesa non è stato in grado per tempo di agire e porre i giusti rimedi. Chi non è capace di guidare la Chiesa ne esca fuori e non continui a rovinare tutto, come quello che è successo. I fedeli hanno bisogno di credere in Dio e nella Chiesa Cattolica e hanno diritto di potersi fidare dei suoi rappresentanti che si devono rendere degni e meritevoli di un tale compito.

  3. Ammetto ahimé, di non conoscere i led zeppelin e quindi mi ritengo, come giustamente secondo il suo metro di giudizio, un “pecorone”, ciò nonostante io rispetto le idee degli altri anche se non le condivido. Ritengo di accettarmi ad essere meglio un pecorone, che nel suo piccolo non nuoce nessuno, che come tanta gente come, chi guida la Chiesa nuocendo chi in essa crede, chi governa infliggendo leggi da regime e chi (ma in maniera minima) come lei, autrice del blog, non rispetta chi ha voglia di fede e che liberamente vuole credere, con un insulto (che non ritengo nemmeno tale) di cui la ringrazio perché amo profondamente gli animali che da sempre sono da esempio per l’uomo: gli animali non uccidono mai se non per stretta necessità. A questo proposito ammiro chi si prodiga per cercare di convincere le persone che vanno in vacanza a non abbandonare i propri animali, anche se da quel che vedo sembra inutile visto quello che incontriamo tutti i giorni sulle strade. ( scusa il fuori tema ma era dovuto).

    • Sì, bisogna rispettare le idee altrui. Quindi, secondo questa tesi, si dovrebbero rispettare pure i nazisti.

      Gli animali piacciono anche a me, talmente tanto che li accosto spesso a delle divinità. E’ una pratica molto comune qui nel centro italia.

  4. emmeti

    A credere in Dio sono in tanti, ma cosa è Dio ? ci sono religioni e filosofie che si pongono il problema da secoli e secoli. la chiesa cattolica e altre religioni hanno la presunzione di sapere la verità. il guaio è che hanno imposto con la forza fisica e l’imbroglio psicologico questa convinzione a tante persone. io non voglio avere timore di Dio, ma voglio avere la certezza di una verità universale più grande e giusta per tutti. non mi piace che la relegione cattolica abbia usato la figura di cristo e la forza ereditata dall’impero romano per gestire il potere e il denaro. che cosa c’entra Cristo in tutta questa arroganza.

  5. I SUOI ESEMPI NON SONO PER UN MODERATO COME ME, MA SONO PER LE PERSONE DALLE IDEE ESTREME. IO NON HO MAI IMPOSTO LE MIE IDEE AD ALTRI E HO SEMPRE RISPETTATO QUALUNQUE PARERE SENZA VENIRE ALL’INSULTO FACILE, COSÌ COME FARE PARAGONI FUORI POSTO. OLTRE AI NAZISTI CI SONO GLI ESTREMISTI ISLAMICI I COMPORTAMENTI INTEGRALISTI DEI TALEBANI E VIA POTREI ALL’INFINITO, MA NON ARRIVO FINO A QUESTO PUNTO. OGNUNO HA DIRITTO DI CREDERE A QUEL CHE VUOLE, BASTA CHE NON TORCA UN CAPELLO A NESSUNO, SENZA VIOLENZA NE PSICOLOGICA NE VERBALE NE FISICA SI POSSONO AVERE TUTTE LE IDEE CHE SI VUOLE. MA IO PENSO CHE LEI ABBIA CAPITO. IO AD ESEMPIO NON ACCOSTO GLI ANIMALI A DELLE DIVINITÀ NE GIUDICO CHI LO FA. LEI È ABBASTANZA ACCULTURATA PER SAPERE CIÒ CHE DICO, IL FATTO CHE SI SENTA CONTRARIATA PERCHÉ NON AMMETTE CHI È CATTOLICO È UN PROBLEMA SUO, DEVE SOLO IMPARARE ATOLLERARCI, ANCHE SE ACCETTO LA SUA CRITICA, VERSO COLORO CHE SI MACCHIANO DI REATI CONTRO GLI ESSERI UMANI, LÌ ANCHE IO NON GUARDO IN FACCIA A NESSUNO, NEMMENO ALLA RELIGIONE.

  6. La camorra con i soldi apre pizzerie in giro per il mondo, la Chiesa al massimo oratori…

  7. Io preferisco essere uno che sbaglia la grammatica, piuttosto che scrivere un blog per criticare la libertà di religione in maniera ottusa tipica di chi vuole dividere le persone per razze proprio come fanno i nazisti e come loro vuole dimostrare la propria superiorità che se la dimostra così, esprime solo il contrario di quello che voleva dimostrare, è molto simile a loro. Io non la giudico se lei non crede o che dia importanza alle divinità o agli animali che accosta a queste ultime, ma se lei insiste nel trovare in me la colpa di avere un dio allora lei che scrive grammaticamente meglio di me, ha imparato ben poco della vita e dell’importanza della libertà in ogni settore, si può studiare tanto ma l’ambiente nel quale si vive se non è abbastanza evoluto culturalmente e moralmente, sa la sua laurea dove se la può mettere? Mi scusi non volevo offendere?! ma lei usa confrontarsi con le opinioni altrui per dimostrare il suo razzismo verso chi ha una opinione religiosa per criticare? Allora me lo poteva scrivere subito che avrei ignorato il suo blog. Gente che non accetta la libertà degli altri ne è pieno il mondo lei è una di queste, infatti nel mondo ci sono tante guerre a causa degli ottusi come lei, non volevo, ma se le cercata. E adesso, se vuole, scriva pure perché tanto io non la leggerò più, lei non sa confrontarsi in modo razionale senza che venga fuori il suo razzismo e anche tanta maleducazione, cosa che evidentemente a scuola e nemmeno a casa le hanno insegnato, grammaticalmente correttta ma diseducata, ognuno decide di mettere sul blog tutto ciò che vuole anche le assurdità e le sciocchezze, io, purtroppo ho perduto tempo nel cercare di farmi capire, a questo punto chiedo scusa e tolgo il disturbo. E anche se questo la prenderà come un’offesa, dall’alto della sua grande cultura, impari ciò che a scuola non le hanno insegnato, ad essere più razionale ed a rispettare le scelte degli altri e la libertà di esprimersi senza per questo usare cattiva educazione ed insulti gratuiti.

  8. LIVIO NON TI CI ARRABBIARE ANCHE SE SCRIVE CHE È DOTTORESSA È PIÙ IGNORANTE DI NOI CE NE SONO TANTI LAUREATI ED IGNORANTI ANZI LA LAUREA LI RENDE IGNORANTI ED ARROGANTI SI VEDE DA COME RAGIONANO SI METTONO IN CATTEDRA E SPARANO TANTE CAZ…E POI TI DICONO CHE NON SCRIVI BENE LA GRAMMATICA PERÒ SCRIVI E DICI COSE GIUSTE LEI INVECE SCRIVE GIUSTO MA DICE TANTE STRON…E CHI CIÀ RAGIONE ? E POI QUANDO SE ATTACCANO ALLA GRAMMATICA SI VEDE CHE NON SANNO PIÙ COME INCAZZARSI CON TE SOLO PERCHÉ NON SONO CATTOLICI, TI SCAVONO I DIFETTI CHE MANCO CIAI A DOTTORÉ SE CREDEVI IN DIO INVECE DE CRITICÀ CHI CI CREDE SENZA LA ALUREA SARESTI STATA PIÙ INTELLIGENTE MA TANTO A UNA COME TE CHE CRITICA CHI HA LA FEDE COME SE PARLA PARLA È DE COCCIO NON CAPISCE E NON CAPIRÀ MAI VUOLE DIRE CHE SE HAI USATO IL PC PER SFOGARTI E HAI TROVATO LIVIO COME SFOGO ALMENO CHI CREDE È SERVITO ALLA TERAPIA DE FARTE SFOGÀ E SI VEDE CHE CIAI QUALCOSA IN CORPO CHE TE RODE E NON SAI CON CHI TE LA DEVI PIGLIÀ E HAI TROATO A NOI, SEI STATA FORTUNATA VEDI A QUAKCHE COSA SERVIAMO MA QUELLI COME TE A CHE SERVONO ? A NIENTE SOLO A METTE ZIZZANIA E A FA LITIGA LE PERSONE PER BENE MA NOI CATTOLICI TE PERDONIAMO E MO FAMME ANDÀ A LAVORÀ CHE È TARDI STATTE BENE E NON TE LA PRENDE CHE NOI CATTOLICI NON CE LA PRENDIAMO.

  9. Cari livio e samantha, datosi che scrivete dallo stesso computer, e con lo stesso stile, i vostri commenti da ora in poi verranno segnalati come spam. Ci sono molte chiese in cui andare ad esprimere i vostri pensieri, se trascurate il fatto che i fedeli vanno lì solo per ascoltare e ripetere litanie, potete andare ad esprimervi lì.

  10. dopo 20 righe senza una virgola c’ho il mal di mare…

  11. Rocco Barbaro

    Approfitto della china che ha preso la discussione, esulando volutamente dal tema principe del post, per porre alcuni interrogativi circa il rapporto dei cattolici con la società e con gli altri in senso generale.
    Innanzitutto mi chiedo come faccia un cattolico a parlare di razionalità, quando evidentemente la fede è un atto che prescinde nella maniera più assoluta dal mondo della ragione. Mi chiedo ancora come faccia un cattolico a parlare di rispetto. Al di là del fatto che la parola è ripetuta veramente troppe volte per non suscitare dubbi di mero artificio, avranno mai provato questi signori cattolici ad immaginare di non essere credenti e dover comunque vivere in un paese come l’italia? Probabilmente no. Perchè se lo avessero fatto anche solo una volta, avrebbero capito che i diritti di chi si dice cattolico, in questo paese sono ben superiori ai diritti dei laici. Senza ritornare alla questione del crocifisso nelle aule scolastiche, ricordo che c’è un crocifisso in ogni camera, ambulatorio e sala operatoria di ogni ospedale. Avete mai avuto la necessità di dare sepoltura ad un vostro familiare non credente? Non esistono luoghi privi di crocifisso e altri simboli cristiani nei quali poter celebrare funerali. A questo proposito vorrei sponsorizzare questa iniziativa che mi sembra meritoria

    In ogni aspetto della nostra vita, e soprattutto nei momenti più intimi, come il lutto o la malattia, siamo costantemente circondati dalla simbologia religiosa. Pur ammettendo che per un credente possa essere di conforto, perchè la necessità di esibire a sbandierare questi simboli? Portarli con sè e guardarli al bisogno, mi sembrerebbe sufficiente, senza dover necessariamente far digerige ai non credenti degli oggetti che (vi assicuro!) sono considerati alla stregua dei talismani degli sciamani o ai tarocchi. Posto tutto ciò, mi chiedo dove tali cattolici trovino la faccia per parlare di rispetto. Ancora una volta mi sembra si cerchi un rispetto che non viene neanche considerato di ricambiare. Il rispetto ai non credenti in primis, ma non foss’altro il rispetto per chi ha un credo differente da quello cattolico.
    Se si considerano moderati, non vorrei mai dover incontrare i loro estremisti o integralisti!
    Ma le note dell’Osservatore Romano circa la vicenda belga la dicono lunga sulla percezione che la chiesa e i credenti hanno di loro stessi e del mondo che li circonda. Se sono i portatori della verità e del vero dio, è evidente che non accettino di buon grado che le leggi applicate per gli altri siano applicate anche a loro.
    Un saluto laico e agnostico alla dottoressa e anche a chi non usa nè accenti nè apostrofi

    • gloria

      lei ha perfettamente ragione.
      parlo da persona neutra, non intendo difendere nessuna delle parti, ma mi chiedo se sia giusto prendercela sempre con la parte che non ci rispecchia.
      ovviamente (per i differenti “credo” che animano gli spiriti) i cattolici punteranno sempre il dito contro fgli atei/agnostici che in un qualche modo vanno a ledere i principi morali cattolici e gli atei/agnostici punteranno sempre il dito contro gli estremismi cattolici.
      al che io mi chiedo:ma se tutto ciò non andasse a influire in quella che è l’istituzione stato, ci sarebbe lo stesso tutto questo odio reciproco?
      perchè il problema principale sembra risiedere nel fatto che la chiesa con tutta la sua religione non riesce proprio ad essere un qualcosa di svincolato dal nostro stato.
      se il cattolicesimo in italia avesse la stessa importanza, influenza, peso che ha la minoranza islamita sempre da noi, ci sarebbero gli stessi problemi?
      secondo me no.
      apparte gli episodi di gente musulmana che ha cominciato a comportarsi da cattolica che ha avuto da ridire su crocefissi e cose varie..alla fine a chi danno fastidio?
      dicono le loro preghiere, fanno il ramadam, imbacuccano le mogli come se vivessero in un apiario, ma non vengono a modificare le leggi di nessuno, non rompono le palle se vuoi usare la pillola o meno, e non passano la messa la domenica mattina sulla rai.
      il vero problema è che è stato fatto di una religione un’istituzione, finchè non ci libereremo da questa tirannia morale (e non solo) ci saranno sempre i problemi che abbiamo ora.
      altrimenti avremmo l’auspicabile paradiso terrestre in cui persone che credono pregano e vanno a messa per cavoli loro , e persone che non credono continuo a fare la loro vita as well as usual.

      • il cristianesimo serve per governare lo stato, per governare le menti, proprio come l’islamismo dove i musulmani sono maggioranza. Preghiere, dei, spiritualità, sono tutti concetti riciclati di religione in religione per fare presa sulle menti. Un po’ come le battute dei Vanzina, funzionano e le riusano ad libitum.

  12. fedesan

    sono agnostico viscerale, non vado alla messa da 16 anni, mi voglio sbattezzare, non ho battezzato mio figlio, impalerei sui ‘mituli’ del fieno i preti pedofili, bestemmio con costanza e somma soddisfazione, appoggerei una guerra atomica contro il vaticano, chiapperei pe’ i piedi bertone e ce menerei il pastore tedesco…. etc, etc…

    però dottoressa il modo in cui ha ‘coglionato’ i nostri amici non m’è piaciuto e soprattutto (ho avuto modo di dirglielo già una volta) non mi convince proprio la grossolana liquidazione di concetti tutt’altro che assimilabili come religione, preghiera, religiosità, spiritualità……
    la fa veramente troppo facile!
    tutta robba che esiste da quando esiste l’uomo e che meriterebbe almeno qualche riga e qualche sforzo di comprensione in più.

    • ma proprio perché tutto ciò esiste da quando esiste l’uomo, è facile da capire. Le religioni nascono e muoiono, cambiano nel tempo, l’uomo continua ad affrontare la vita, a porsi domande, a cercare risposte qua e là. Non mi piace prenderli sul serio, sono ingredienti necessari, un po’ come quelli che servono per far funzionare un film. Poi chiaro che un pillotto sconclusionato mi manda a nozze.

  13. Quando mi hanno segnalato questo blog, ma soprattutto il contenuto, non ci credevo, ora si!
    Il mio amico mi aveva parlato del disappunto del suo insegnante, professore dell’Università di Bologna in grammatica italiana e latina, che pensava, anzi aveva creduto fosse uno scherzo ed invece… Anch’io, che lo sto leggendo, mi sono sentito tratto in inganno, ma credo che sia tutto veritiero. Non sono un cultore della lingua italiana, così non sto a dire se è giusto o no la grammatica che ha usato il lettore che ha commentato questo blog, mentre è fin troppo evidente la scorrettezza dell’altra commentatrice. Ma la curiosità che ha colpito il professore del mio amico, è che, anche questa “che si definisce” dottoressa, abbia commesso delle scorrettezze grammaticali e che abbia usato un solo termine in latino, sbagliando. Questo per me è “poco di niente”, perché ciò che non approvo di questo blog non è la lingua italiana, né chi abbia o no ragione, perché di persone che non conoscono la grammatica ce ne sono a iosa, ma la pretesa che sia più giusta una religione al posto di un’altra. Ancora una volta nel nostro paese abbiamo persone che si azzuffano, anche se verbalmente, per imporre il proprio punto di vista sulle religioni. Ma non si può vivere senza? Lo so potete chiamarmi anche ” un senza dio”, ma ci sono tante idee in tante situazioni dove gli uomini sono costretti a confrontarsi, dove è necessario tale confronto, e, litigare per sapere se è più corretto credere a dio cattolico o agli animali che diventano divinità, oppure al mito dei led zeppelin, mi viene non da ridere, ma da piangere, per fortuna ci sono veri drammi sui quali misurare la propria disperazione, che è veramente giusto. Su questo meglio farsi una omerica risata. Per me hanno torto entrambi, ma anche se si può discernere da questo un qualcosa di positivo, non mi sento di dar ragione alla Peola. Ma che razza di nome è? Ma sua madre ha dimenticato come si scrive Paola, o è proprio così? Vedi infierire su chi non vuol difendersi perché vuol rimanere educato e si scusa anche quando giustamente si difende, in un mondo che ha dimenticato che siamo esseri umani e non bestie pronte a sbranarsi per un nonnulla, mi fa veramente schifo. Poi puoi metterla come vuoi tanto non cambia nulla. In una sola volta che abbiamo visionato questo blog, tanti lo hanno visto e sono rimasti tutti abbastanza disgustati. Ora so perché al governo c’è gente così, abbiamo perso il senso della Nostra vita e l’abbiamo regalata a persone che non la conoscono per mettersi in mostra con i propri beceri ideali per pura vanità e semplice arrivismo individuale.
    Lo so che è tardi per questo blog, ma meglio tardi che mai.

    • tutt giusto, ma mi preme ricordare che il web non è l’anagrafe e i nomi sono semplicemente delle stringhe, insieme di caratteri alfanumerici. D’altronde a Lettere non ci sono professori di programmazione.

      Ps: potrei non aver letto tutto il tuo intervento, cerca di dividere i pipponi in più puntate

  14. Ics

    Io mi chiamo Ics, perchè mio padre era analfabeta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...