Futuro e libertà in un turbine di sesso e politica

Un morto ammazzato per colpa sua

La corte di appello di Genova ha reso note le motivazioni della condanna dei vertici della polizia in merito ai fatti di Genova 2001. Per gli assenti: a Genova, durante il luglio 2001, si svolse il g8, ovvero la riunione dei grandi della terra che si incontrano in una città, la blindano, e si prendono un thè in santa pace. Il movimento No global era allora nel suo momento di massimo splendore, e si ritrovò proprio a Genova per farsi sentire e vedere. Non c’era posto migliore di una città contenente gli uomini più potenti del mondo e il loro relativo seguito di televisioni, giornali, servi e lacchè vari. Durante la manifestazione arrivarono dei figuri vestiti di nero, i black block, che riforniti di armi da carabinieri e polizia iniziarono a fare atti di vandalismo. La polizia, che non aspettava altro, iniziò a caricare senza pietà. Arresti, botti e manganellate. Nel caos generale ci scappò pure il morto. La sera tutti gli arrestati vennero trattenuti dalla polizia perché trovati in possesso di armi e molotov, quindi torturati.

La corte di appello di Genova ha motivato ciò che con un po’ di buonsenso avevano capito tutti da nove anni: la polizia si è inventata la scusa delle molotov ed ha picchiato senza pietà, con il beneplacito dei piani superiori.

Tra i superiori, nel 2001, c’era il ministro dell’interno Claudio Scajola. Quello che si è fatto comprare la casa da un imprenditore prossimo ad entrare in galera. A genova, quel giorno, arrivò anche Gianfranco Fini. Lui, il paladino del liberalismo di oggi. Vide le botte, le torture, e con una pacca sulla spalla si complimentò con i vertici della polizia. In parlamento difese Scajola a spada tratta, e accusò la sinistra di avere lei fomentato la violenza.

La questione morale la inventò Berlinguer negli anni ottanta. Fini l’ha scoperta nel 2010. Al contrario dei treni del suo duce, è arrivato in ritardo.

Annunci

5 commenti

Archiviato in argite, giornalismi d'antan, il gatto Silvio

5 risposte a “Futuro e libertà in un turbine di sesso e politica

  1. Eminemz

    Alle prossime primarie del PD chi voterai? Il ravveduto Fini o Vendola? Non volgio fare propaganda ma vorrei ricordare che questultimo è meglio appoggiarlo che farselo appoggiare…

  2. Dio cane voglio farti un pompino.

    Fino alla fine contro Fini.

  3. e pensare che sto fascio di merda sembra l’unica opposizione al nano.
    Dio zinghero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...