Modernità

marchionne referendum serbiaDomani va in scena quella che da queste parti chiamano “guerra tra poracci”. Gli operai Fiat voteranno per un referendum che recita più o meno così: “siete disposti diminuire i vostri diritti, senza aumentare lo stipendio? Altrimenti vi mandiamo tutti a casa”. Questa consultazione nasce dalle idee geniali di Sergio Marchionne, lui è uno molto bravo che si è fatto da solo, ha studiato tanto ed è un economista molto intelligente perché ha risollevato la Fiat. Prima di lui, la faccia della Fiat era Lapo Elkann. Sì, quello beccato con cocaina e trans. Prima di lui la Fiat andava avanti con i soldi degli italiani, gli unici che compravano i loro catorci, e gli unici a pagare le tasse per tenere in piedi una fabbrica che sfornava catorci.

Adesso però Marchionne vuole cambiare il paese. Lo dice da mesi e mesi, lui lavora per modernizzare l’industria italiana. Il suo modello è la Serbia, dove minaccia di trasferire gli stabilimenti se tutti non gli danno ragione. La Serbia è un paese molto moderno, negli ultimi anni tutti quelli che volevano andare a vedere la modernità hanno cambiato meta: non vanno più a New York, vanno a Belgrado.E dire che il nonno di Marchionne è stato fatto fuori dalle milizie di Tito. Però non si resiste al fascino della modernità che si respira in Serbia.

Domani si vota alla Fiat, ma in realtà è una trappola. Con le elezioni in vista, Marchionne capita come il cacio sui maccheroni. Perché i partiti del popolo, quelli del fare, si sono allegramente sbattuti le palle del caso Fiat. Oggi il giornale della Lega in prima pagina parla degli immigrati da mandare via. Perciò il Pd si schiera con Marchionne, e allle prossime elezioni l’operaio voterà Lega. Non lo farà perché la lega ha assunto le sue difese, lo farà perché riterrà più credibile il messaggio dei leghisti: “i padroni magnano magnano, noi non possiamo farci niente ma almeno cerchiamo di togliervi dalle balle i negri“. Il Pd sa solo dire: “dobbiamo parlare dei problemi concreti del paese”. E’ una litania, quelli del Pd si svegliano la mattina con 150 corone di rosario in mano e ripetono la stessa nenia. Renzi se lo è fatto tatuare sulle chiappe, così anche gli ambienti ecclesiastici da lui frequentati leggono il messaggio del Pd. Non c’è telegiornale in cui non si veda qualcuno del Pd esclamare che questo governo non parla dei problemi concreti del paese. Nessuno parla dei problemi concreti del paese. Neanche quelli del Pd.

L’esito del referendum è scontato, vincerà il sì. In un ricatto nessuno sceglie per la propria morte. Una speranza però c’è: gli italiani potrebbero smettere di comprare macchine Fiat, in fondo costano più di meccanico che di listino. Le Fiat le compreranno i Serbi, con il lauto stipendio concessogli da Marchionne. Per il povero Sergio si prospetterebbero tempi duri, per guadagnare i 5 milioni di euro l’anno che attualmente percepisce dovrebbe imparare a giocare a calcio. Ma con quella faccia da tonto, al massimo lo tengono in panchina.

6 commenti

Archiviato in argite, il gatto Silvio

6 risposte a “Modernità

  1. marco_52

    d’accordo sull’articolo;
    per quanto riguarda l’acquisto di auto FIAT e’ qualcosa che chiunque si intenda anche minimamente di automobili evita di fare gia’ da anni

  2. Te lo sei sentito Giannino su Radio24, stamattina? Roba da musichetta da giocoliere dietro mentre parlava. Pappa-para-parapappa-para…

  3. DiPi

    Ma non è vero che in tv non si parla dei problemi.

    In tv, in radio e sui giornali non si fa altro che ripetere quali sono i problemi economici italiani (scarsa crescita, disoccupazione giovanile e non, il sud in dissesto, le infrastrutture scadenti, etc). Ma bombardare gli italiani parlando sempre (anche minuziosamente, facendo intervenire decine, centinaia di esperti con le loro analisi più o meno complesse) di questi problemi senza dare una prospettiva altra (intendo di soluzione), e al massimo indicare quell’uno su cento che si è inventato una attività lucrosa (prendete a modello !! ) o i centinaia di giovani che se ne vanno dall’Italia (prendete a modello ??), non serve a NIENTE. Queste non sono soluzioni, sono solo descrizioni dell’esistente, con contorno di commenti più o meno retorici e/o arguti…

    P.S.
    Ma non sarà che la “soluzione” non c’è?

    • DiPi

      P.S. 2
      Ma poi voi non siete stanchi di sentire migliaia di persone che dicono come gli operai di Mirafiori dovrebbero votare al referendum? O dicono come avrebbero votato loro se fossero stati operai della Fiat, mentre una fabbrica l’hanno mai vista in vita loro? Sembra che sia un luogo purgatoriale, quindi mi sembra sia il caso di seguire la vicenda con un po’ più di calma. Non stiamo parlando di persone espulse dal ciclo produttivo, ma di persone ben legate alla catena (in tutti i sensi).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...