Pensieri stupesci

Poche volte si vede gente arrivare al cinema un’ora prima del film, anzi quasi mai. Ieri sera però ce n’erano molti allo Zenith, davano Boris e c’era parte del cast a commentare con il pubblico. Roba da cineforum delle superiori, amarcord di lusso. Si capisce subito che non è una serata come tante altre: prima dell’ultima proiezione, quella delle 22, davanti al botteghino c’erano uno dei registi (Vendruscolo) e Apomatto, dialogavano amabilmente sui cinema di Perugia e sul dominio dei multisala.

La serata Boris non ha niente di italiano, per dirla con Stanis. Lo Zenith è un piccolo cinema perugino, l’unico di quelli del centro storico ad aver resistito. Propone sempre film non blockbuster, volendo appicicargli una etichetta triste, è un cinema “di sinistra”. Un cinema dove ancora c’è l’intervallo, dove non solo  vendono il chinotto al botteghino, ma andando a prenderlo è pure terminato. Dove le poltrone non sono in pendenza e dove davanti, essendo un cinema di sinistra, ti capita sempre davanti il caparezza con tanto di accento del sud. Il mio Boris è diviso in due: schermo destro, caparezza, schermo sinistro.

Lo Zenith di ieri è stato un mondo a parte. Tre spettacoli andati tutti esauriti per un film pubblicizzato per la maggior parte dal tam tam della rete. La serie tv da cui è nato tutto, infatti, è andata in onda su Fox, ma deve il suo successo a quelli che se la sono scaricata da internet. Risultato: una piccola nicchia di fan appassionati, tutti in fila per non perdersi l’ultima avventura dei loro eroi preferiti.

Durante il dibattito finale risuonano, tra il pubblico soprattutto, le solite parole “di sinistra”. Si sente dire italiano medio, censura, cinepanettoni e reality show. Eppure ieri sera quel paese di merda sembrava una invenzione del film. Sale piene di giovani per un film scritto bene, dalla satira intelligente. Dibattito post proiezione, ritorno a casa passeggiando per il centro storico, silenzioso e illuminato. I film belli creano illusioni fatte così bene che sembrano vere.

Lascia un commento

Archiviato in Cinematografo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...