A Gosto

foto scontata

La prima quindicina di agosto è il periodo migliore per girare le scene in cui le città sono calde e vuote, o per le commedie corali in spiagge affollate con Aldo Fabrizi.  In questo 2011 però i registi sono fortunati, non tanto perché Fabrizi è morto e dunque non ha più senso girare in spiaggia, ma perché il clima di agosto lo si respira almeno da gennaio. I negozi sono chiusi da un pezzo, in giro non c’è nessuno, bastava un po’ di crisi e di inflazione per creare l’atmosfera malinconica di agosto. Rintanati in casa o a Marotta, poca differenza c’è. Le nostre città sono vuote e si può girare osservando il silenzio. Anche il primo centro commerciale di Marsciano è rimasto senza negozi, pensare che dieci anni fa una generazione è cresciuta dandosi appuntamento di fronte alla vetrina del Nois, o della Wonderful. Già da allora il centro città cominciava il suo agosto, mentre fuori città sono arrivati altri centri commerciali e a quelli venuti prima tocca la stessa sorte. Perché agosto è il mese delle villeggiature e delle infatuazioni passeggere, della novità e dell’avventura, e quindi via, da un centro commerciale ad un altro.

Gli unici a resistere al fascino di agosto sono i matti della stazione centrale a Pisa. Loro non mancano mai, bivaccano sulle aiuole di fronte al parcheggio dei taxi, si riuniscono a volte in gruppi etnici, a volte in capannelli interculturali. Si scambiano informazioni su chissà quale tema. Probabilmente loro sanno come uscire dalla crisi, ad esempio chiedendo una monetina a chi ha appena preso il resto dalle macchine automatiche: lì non si può bluffare dicendo “non ho niente”. E’ per questo che le borse crollano, i bluff sono stati scoperti. Ora però non importa, è agosto e la città è vuota, bisogna girare per le strade e godersi il clima di assenza, di deserto. Non c’è neanche il calcio estivo a riempire le serate, ormai ha davvero stufato. Non rimane che una panchina, un libro, l’ombra e il silenzio. Agosto è il mese stereotipo per eccellenza.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in argite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...