Gian Piero Einstein

Quindi pare, leggendo Repubblica.it, che Einsten si fosse sbagliato. Da oggi non diremo più “ti credi di essere Einstein?” Un gruppo di ricercatori di Cern (Svizzera) e Infn (Italia), misurando la velocità dei neutrini, l’hanno trovata superiore a quella della luce. Lo hanno fatto sparando questi neutrini dalla Svizzera al Gran Sasso, e già sapere che si può attraversare mezza italia a questa velocità è sensazionale. Nei precedenti esperimenti i neutrini viaggiavano in treno, con Einstein a dormire sonni tranquilli. Sì perché il buon Albert, con la sua relatività, prese la velocità della della luce come limite invalicabile. D’altronde conoscendo Trenitalia, sapeva che al Gran Sasso non ci arrivi in almeno 24 ore, con 4 cambi e al costo di una tombola. Ora però è stato smentito, o meglio, corretto. Secondo la relatività, un corpo per viaggiare ad una velocità superiore a quella della luce dovrebbe aver massa infinitamente grande, ma così è stato dimostrato non essere. La prima conseguenza di una scoperta simile è la possibilità di viaggiare nel tempo; Marchionne ha già annunciato la produzione della De Lorian, però prima deve poter licenziare tutti i lavoratori della Lombardia, altrimenti non se ne fa niente. Confindustria è d’accordo: “non possiamo fermare il progresso”.

Mentre Einstein viene relegato a quello che era prima di essere un genio, ovvero un impiegato delle poste, un altro capello bianco è stato preso e sbattuto nel dimenticatoio. Gasperini non è più l’allenatore dell’Inter, ma nessuno si era accorto che lo fosse, neanche lui. Arrivò a Milano già triste,  ha perso 3 partite e l’hanno cacciato. Un trattamento molto peggiore di quello riservato ad Einstein. Gasperini non ha certo parlato di particelle e velocità della luce, ma ha pagato le sue dichiarazioni su Alvarez a inizio stagione (“è davvero forte”). La scienza ha mostrato che un giocatore, per essere lento come Alvarez, dovrebbe avere massa infinitamente grande. Siccome Alvarez pesa sì è no 70kg, Gasperini è stato esonerato, entrando di diritto nella schiera degli eroi sfortunati. Per questo non lo dimenticheremo, perché noi da sempre stiamo con Willy il coyote: sfidiamo la scienza ogni giorno per acchiappare quello struzzo maledetto.

Annunci

2 commenti

Archiviato in argite

2 risposte a “Gian Piero Einstein

  1. Fedesan

    Secondo me hanno sbagliato la divisione (lo spazio va al numeratore e il tempo al denominatore!).
    Einstein non ti tradiremo mai!
    4 svizzeri e 3 abruzzesi non fanno primavera!
    Gasperini è un genoano… che t’apettavi.

  2. Più che altro Gasperini è un gobbo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...