La Dama Bianca

La Dama Bianca è una che non ti dà mai un appuntamento preciso, ma già un mese prima ti fa capire che potrebbe arrivare. Si fa attendere, sparisce, tira delle sòle allucinanti. Quando arriva, però, tutta l’attesa e la dignità perduta vengono ripagate. La Dama ti avvolge, ti scuote con la bufera, poi finisce e rimane il bianco e il silenzio. Chi ha il vizio, dopo una nevicata si fuma una sigaretta.

Il bello della neve è il mondo che si ferma. Il giorno prima sono tutti ovunque a stracciare le palle con quanto hanno da fare, il giorno dopo tutti chiusi in casa perché i loro affari non valgono neanche l’imparare a montare le catene. I faccia da cazzo, gli scassaminchia, i noiosi: tutti a casa. Con la neve per strada si può camminare, di macchine ne passano poche e fanno il rumore dei cavalli, con le catene che costringono ad andare piano e a saltelli. Quando nevica è come andare in paradiso, è tutto bianco, ma non c’è bisogno di morire. Non a caso il papa sta a Roma, dove nevica una volta ogni morte di papa, e muore dal dispiacere, perché vede una carriera passata a raccontare fregnacce sulla vita ultraterrena sbugiardata dai bambini che fanno pupazzi di neve al Colosseo. Hai voglia a promettere la resurrezione dell’anima dopo che uno è sceso da Trinità dei Monti con lo slittino.

Oggi sono belli anche loro

La neve scatena la fantasia. Si può fare uno snowpark fuori dal garage di casa, si scia per le strade della città. Mentre in televisione si scannano per capire di chi è la colpa se il traffico si blocca, partono guerre di palle di neve degne di una campagna di Russia. Che poi, quando nevica, è proprio grazie alla Russia e all’aria in arrivo dalla Siberia. Dall’America mica arriva aria fredda, anzi, ci mandano la corrente del golfo per scaldare l’europa; non a caso, e si torna sempre lì, il papa ci ha tenuti sempre incollati agli americani. Basta politica però, quando c’è la neve non c’è tempo di pensare a cose complicate. Bisogna andare a cercare i doposci in soffitta, preparare la cioccolata calda controllando se è scaduta la bustina, che da sei mesi ormai era lì, rivedere i vicini di casa dopo tanto tempo e confrontarsi sulle previsioni meteo e il pupazzo più bello. Quindi fare un giro per il paese ad ascoltare le storie di gente dispersa nella notte in mezzo alla bufera con il ghiaccio fino ai capelli, di solito  succede ai parenti alla lontana del narratore. Fotografare e filmare tutto il possibile, perché quando ricapita di vedere il tuo paesello sconosciuto agghindato come Cortina d’Ampezzo.

La Dama Bianca è quella che quando arriva ti fa diventare un campionissimo. Dura poco, ma è una bella sensazione.

3 commenti

Archiviato in bar sport, biografologia

3 risposte a “La Dama Bianca

  1. Pingback: Post Ufficiale Meteoinvernale 2011/12 - Pagina 392

  2. Buon pomeriggio,
    La contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
    Vorrei farLe conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I suoi articoli mi sembrano adatti a figurare tra le pagine di Società e Attualità del nostro magazine e mi piacerebbe che entrasse a far parte dei nostri autori.

    Sperando di averla incuriosito, la invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti,

    Silvia

    silvia [at] paperblog.com
    Responsabile Comunicazione Paperblog Italia
    http://it.paperblog.com

  3. Pingback: L’anno dei record | Peolina Borghese

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...