Froome, il campione dei sospetti

Ritratto della salute

Ritratto della salute

“Perché segui ancora il ciclismo? Tanto sono tutti dopati.”

“Perché stai ancora con la tua ragazza? Tanto le donne sono tutte troie.”

Questa premessa serve a scremare il gruppo dei lettori, come solo la US Postal dei tempi d’oro sapeva fare. Astenersi emettitori di luoghi comuni e fidanzati di donne chiacchierate. Detto ciò, il cruccio di oggi è Chris Froome, nuovo marziano del Tour de France. Ieri sul Mont Ventoux è partito a 7 km dall’arrivo con un’accelerazione che ha fatto gridare allo scandalo, prima che al gesto atletico. Dopo quindici anni tremendi per il ciclismo, lo scetticismo era un risultato più che attendibile. Froome ha scalato il Ventoux quasi un minuto più veloce di Armstrong, quell’Armstrong, quello texano amico di Bush che si dopava mentre l’Unione Ciclistica Internazionale faceva finta di non vedere.

Il popolo dei suiver e degli appassionati già grida al doping. A sostegno della tesi porta numeri, valori, rapporti. Il tempo di scalata è minore di Armstrong (dopato), quindi l’implicazione è ovvia. Froome come Armstrong. Certo, ci sono ancora variabili non considerate. Com’era il clima? Ieri il caldo del Ventoux è sembrato essere meno micidiale, nonostante questo Froome all’arrivo ha avuto bisogno di ossigeno con tanto di mascherina. In generale, confrontare due prestazioni di due gare differenti è impresa scientificamente ardua. Un primo parametro per confrontare le “cilindrate” dei ciclisti lo inventò Michele Ferrari, il medico dopatore di Armstrong. La VAM, velocità ascensionale media,  indica i metri di dislivello saliti in un’ora, azzerando o diminuendo l’influenza di fattori esterni come diversa pendenza, vento, scie e via dicendo. Anche qui, la VAM di Froome di ieri è maggiore di quella di Armstrong del 2002. Il dato in assoluto più preciso, però, sono i watt espressi con la pedalata. L’unico problema è che non sono disponibili, sebbene la SKY (squadra di Froome) metta a disposizione per ogni tappa tutte le prestazioni, in dettaglio, dei propri corridori. Solo i dati di Froome non vengono resi disponibili, perciò ci si affida a calcoli empirici, un po’ meno precisi ma comunque stupefacenti: rapporto peso/potenza di 6.5 watt per kg, sui livelli del miglior Pantani, campione sfortunato di un’epoca molto triste per il ciclismo.

Non ci sono prove contro Froome, solo dati che non provano nulla se non un fisico fuori dal comune. Chris Froome non è un fenomeno di tattica, in maglia gialla si è preso un minuto per un ventaglio, impensabile per un Indurain; in bicicletta è inguardabile, storto, caracollante, la faccia piena di tic nervosi, oltre ad un fisico tirato allo stremo: alto 1 metro e 86, pesa meno di 70 kg. Non è una maglia gialla di quelle che siamo abituati a conoscere, poco signorile quando in fuga fa collaborare Quintana e poi lo stacca. Non lo abbiamo visto crescere come al solito: Indurain partì da gregario di Delgado, ma si vedeva la sua stoffa sin da subito. Pantani scortava Chiappucci, salvo prendersi qualche giornata di libertà sul Mortirolo. Froome è passato dalla squalifica al Giro d’Italia 2010 perché saliva proprio il Mortirolo attaccato ad una moto (infortunio al ginocchio, dice lui), al secondo posto alla Vuelta del 2011 e altrettanto al Tour 2012, dove faceva il gregario a Wiggins ma solo perché lo aspettava in salita.

Dopo gli ultimi 15 anni di ciclismo, i sospetti sono legittimi e salutari per uno sport che ha deciso, al contrario di tanti altri, di provare almeno a prendere qualche dopato. Non servono solo tanti controlli, già ce ne sono di asfissianti: serve un pubblico non disponibile a tollerare più certi fenomeni, perché è il pubblico che fa girare i quattrini. Senza quelli, le farmacie non lavorano. Perciò schifiamo i dopati tutti, compresi giovani, amatori, evasori e via dicendo, mettiamoci l’anima in pace, e guardiamoci il Tour de France. Perché doping o non doping, la vita senza le grandi corse a tappe in tv sarebbe di una noia mortale.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in bar sport, giornalismi d'antan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...