Archivi categoria: bar sport

Nibali e il teorema Italia-Germania

Nibali dantesque

La prima maglia gialla non si scorda mai, per carità. Nibali ha 30 anni, nel 1998 era anche lui davanti alla televisione quando sulle Alpi c’era il diluvio universale e le immagini arrivavano a sbalzi. Con l’ansia a mille ad ogni nuovo aggiornamento del cronometro, Ullrich non recuperava, ecco le telecamere fisse all’arrivo, spunta Pantani dalle nubi:  tappa e maglia gialla. La prima della nostra generazione, dopo trent’anni finalmente i francesi si incazzavano di nuovo e noi avevamo l’età giusta per esaltarci come le nostre amiche facevano per i backstreet boys. Io andai pure in pellegrinaggio a Cesenatico, paese natale del Pirata.

La seconda maglia gialla di Nibali è la sua. Cresciuto sotto il segno del Pirata, con il rimpianto di non aver più visto nessuno come quel pelato di un metro e mezzo che sfidava i giganti di qualsiasi razza, dal texas alla germania est, Nibali ha vinto il Tour de France.  Lo davano tutti terzo, alla prima settimana di corsa aveva già schiantato gli avversari più forti. Gli esperti non hanno considerato il teorema Italia-Germania: nello sport ci sono delle storie che finiscono sempre allo stesso modo, quale che sia l’inizio. Quando al Tour infuria la bufera, al traguardo arriva sempre un italiano a far incazzare i francesi. Il Tour di Nibali sta tutto nel capolavoro della tappa sul pavè, tributo alla Parigi-Roubaix, l’Inferno del Nord. Di solito la prima settimana del Tour de France è piatta, dedicata alle volate di gruppo e senza pericoli per chi corre per la maglia gialla. Quest’anno era diverso e Nibali lo sapeva. In cuor nostro lo sapevamo anche noi, anche se era più speranza che consapevolezza. Siamo pur sempre italiani.

Pioveva che il dio italiano del ciclismo la mandava, a 80 km dall’arrivo il primo gigante si arrende: Froome cade la seconda volta, ancora prima di arrivare al pavè. Per pedalare all’inferno non basta essere allenati, né è sufficiente correre con la squadra più ricca del mondo. Per pedalare all’inferno ci vuole talento e modestamente l’inferno lo abbiamo inventato noi italiani. L’altro gigante, Contador, sembrava in difficoltà. Nibali è già in maglia gialla, conquistata due giorni prima tra lo stupore generale, con uno scatto in pianura a 2 km dall’arrivo. Rapido calcolo: c’è la bufera, c’è un gigante da battere, sono italiano. Nibali attacca. Io davanti alla tv come nel 1998 ho finto di non crederci. In fondo lo sapevo, me la ricordavo la faccia senza espressione di Ullrich e il Pirata con la mantellina anti pioggia svolazzante giù per la discesa del Galibier. All’arrivo Nibali ha oltre due minuti di vantaggio su Contador, mancano ancora due settimane alla fine del Tour ma il vincitore c’è già.

I francesi all’inizio lo esaltano, Nibalì: loro amano quello che vince nonostante il pronostico avverso. Poi quando capiscono che il pronostico è cambiato, cominciano un po’ a odiarlo. Un italiano sta per arrivare in trionfo sui Champs Elisées, un francese non ci arriva più da chissà quanto. Poveri galletti, ancora non hanno capito il teorema Italia-Germania: se non vogliono far vincere un italiano, devono eliminare le tappe da impresa epica. Perché se disgraziatamente c’è da soffrire, noi, sofferenti per antonomasia, stracciamo chiunque.

Come ogni estate il Tour è finito, andate in pace. Quest’anno andate anche in Francia e non dimenticatevi di indossare una maglia gialla.

Lascia un commento

Archiviato in bar sport, giornalismi d'antan

Moggi è un giorno triste

Poche ore fa è arrivata la sentenza della corte di Appello, lucky luciano moggi condannato a due anni e spiccioli di carcere. Associazione per delinquere. Dovrebbe essere una bella notizia, un delinquente punito, una brutta storia (quasi) chiusa. Invece, basta fermarsi un attimo per diventare tristi. C’è una generazione, tanto per cambiare la mia, la cui adolescenza è stata annullata da questa sentenza. C’erano juventini che credevano (sic) che la vecchia signora fosse la grande squadra dei loro sogni. C’erano non juventini che vedevano perdere nei modi più rocamboleschi le loro squadre.

Stabilire oggi la verità serve a poco, se non a disilluderci ancora di più. Non solo oggi non abbiamo sogni, ma quelli che avevamo da giovani erano fasulli.

Lascia un commento

Archiviato in bar sport

Libera chiesa in non libero campo

campo-calcio-ponte-della-pietra

Seconda giornata di campionato, Ponte della Pietra – Nestor, categoria allievi provinciali. E’ il 1999, è ottobre ed è freddo. La partita si gioca alle 9.30 di domenica, ci sono sia brina che nebbia. L’arbitro convoca i due capitani per decidere se giocare oppure no. Uno dei due capitani sono io, una delle poche volte, tra l’altro, che gioco da titolare. Il regolamento vuole che se da una porta non si vede l’altra, la partita non si può giocare. Avendo calcolato che non avrei avuto tante altre occasioni, all’arbitro dissi: “pol venì giù anche cristo, per me si gioca”.

Il campo era smosso e ghiacciato, perciò ogni piccola buca era diventata uno scalino di marmo. Visibilità relativa, ma non era un problema per chi come noi era abituato a giocare anche al buio. Il primo tempo finisce 2-0 per noi, grande euforia nello spogliatoio, non vincevamo quasi mai, quindi già aver conquistato un primo tempo era roba grossa.

Si riparte un po’ più scarichi, gli avversari fanno subito il 2-1. C’era bisogno di addormentare la partita, per quanto potessimo farlo dato il nostro status di scarponi vagabondi di quindici anni. Ricordo che per andare a prendere un pallone dal fallo laterale ci misi un minuto, era finito dietro un cespuglio e dissi all’arbitro che non lo ritrovavo. Su un rovesciamento di fronte, c’è l’occasione per chiudere la partita. Il nostro attaccante si trova la porta vuota a un metro e il pallone a mezz’aria, ma spara alto. Era più difficile che segnare. Inevitabili arrivano i due gol degli avversari a rovesciare il risultato: 3-2, tutti a casa.

Quel campo da calcio sorge nella periferia più grigia di Perugia, sventrata dal cemento di anni di governo pseudo democratico. Di questi giorni è la notizia che il campo verrà eliminato per far spazio ad una nuova chiesa. Dodicimila metri quadri di cemento per ringraziare nostro signore di avere i soldi per edificare dodicimila metri quadrati di cemento. I “comunisti” al governo, a Perugia, hanno deciso che è meglio una chiesona che un campetto da calcio. Quel campo dove in tanti, me compreso, hanno imparato a vincere e a perdere, a vivere con gli altri, per quanto difficile potesse essere. Perché quello che ti sta sulle palle, in una squadra, c’è sempre. Ma la palla gliela devi passare lo stesso, se vuoi vincere. In tanti hanno imparato a stare al mondo su un campo di calcio, più di quelli che lo hanno fatto in una chiesa,  dove il massimo che sanno dirti è “fai quello che ti dico io e campi cent’anni, male, ma poi l’eternità bene”. In un campo di calcio si impara a sbagliare e a migliorare, senza bisogno di pentimenti o minacce di finire all’inferno. Quell’attaccante che nel 1999 sbagliò il 3-1 a porta vuota oggi è un felice padre di famiglia, nonché uno dei più grandi bestemmiatori che abbia mai conosciuto.

Il governo del cemento ha però deciso: via il campo da calcio, s’ha da fare una chiesa, dove tutti andranno a pregare il signore per riavere il campo da calcio. Perché il dio del popolo non infligge punizioni, ma le calcia a giro sotto la traversa.

Lascia un commento

Archiviato in argite, bar sport

Froome, il campione dei sospetti

Ritratto della salute

Ritratto della salute

“Perché segui ancora il ciclismo? Tanto sono tutti dopati.”

“Perché stai ancora con la tua ragazza? Tanto le donne sono tutte troie.”

Questa premessa serve a scremare il gruppo dei lettori, come solo la US Postal dei tempi d’oro sapeva fare. Astenersi emettitori di luoghi comuni e fidanzati di donne chiacchierate. Detto ciò, il cruccio di oggi è Chris Froome, nuovo marziano del Tour de France. Ieri sul Mont Ventoux è partito a 7 km dall’arrivo con un’accelerazione che ha fatto gridare allo scandalo, prima che al gesto atletico. Dopo quindici anni tremendi per il ciclismo, lo scetticismo era un risultato più che attendibile. Froome ha scalato il Ventoux quasi un minuto più veloce di Armstrong, quell’Armstrong, quello texano amico di Bush che si dopava mentre l’Unione Ciclistica Internazionale faceva finta di non vedere.

Il popolo dei suiver e degli appassionati già grida al doping. A sostegno della tesi porta numeri, valori, rapporti. Il tempo di scalata è minore di Armstrong (dopato), quindi l’implicazione è ovvia. Froome come Armstrong. Certo, ci sono ancora variabili non considerate. Com’era il clima? Ieri il caldo del Ventoux è sembrato essere meno micidiale, nonostante questo Froome all’arrivo ha avuto bisogno di ossigeno con tanto di mascherina. In generale, confrontare due prestazioni di due gare differenti è impresa scientificamente ardua. Un primo parametro per confrontare le “cilindrate” dei ciclisti lo inventò Michele Ferrari, il medico dopatore di Armstrong. La VAM, velocità ascensionale media,  indica i metri di dislivello saliti in un’ora, azzerando o diminuendo l’influenza di fattori esterni come diversa pendenza, vento, scie e via dicendo. Anche qui, la VAM di Froome di ieri è maggiore di quella di Armstrong del 2002. Il dato in assoluto più preciso, però, sono i watt espressi con la pedalata. L’unico problema è che non sono disponibili, sebbene la SKY (squadra di Froome) metta a disposizione per ogni tappa tutte le prestazioni, in dettaglio, dei propri corridori. Solo i dati di Froome non vengono resi disponibili, perciò ci si affida a calcoli empirici, un po’ meno precisi ma comunque stupefacenti: rapporto peso/potenza di 6.5 watt per kg, sui livelli del miglior Pantani, campione sfortunato di un’epoca molto triste per il ciclismo.

Non ci sono prove contro Froome, solo dati che non provano nulla se non un fisico fuori dal comune. Chris Froome non è un fenomeno di tattica, in maglia gialla si è preso un minuto per un ventaglio, impensabile per un Indurain; in bicicletta è inguardabile, storto, caracollante, la faccia piena di tic nervosi, oltre ad un fisico tirato allo stremo: alto 1 metro e 86, pesa meno di 70 kg. Non è una maglia gialla di quelle che siamo abituati a conoscere, poco signorile quando in fuga fa collaborare Quintana e poi lo stacca. Non lo abbiamo visto crescere come al solito: Indurain partì da gregario di Delgado, ma si vedeva la sua stoffa sin da subito. Pantani scortava Chiappucci, salvo prendersi qualche giornata di libertà sul Mortirolo. Froome è passato dalla squalifica al Giro d’Italia 2010 perché saliva proprio il Mortirolo attaccato ad una moto (infortunio al ginocchio, dice lui), al secondo posto alla Vuelta del 2011 e altrettanto al Tour 2012, dove faceva il gregario a Wiggins ma solo perché lo aspettava in salita.

Dopo gli ultimi 15 anni di ciclismo, i sospetti sono legittimi e salutari per uno sport che ha deciso, al contrario di tanti altri, di provare almeno a prendere qualche dopato. Non servono solo tanti controlli, già ce ne sono di asfissianti: serve un pubblico non disponibile a tollerare più certi fenomeni, perché è il pubblico che fa girare i quattrini. Senza quelli, le farmacie non lavorano. Perciò schifiamo i dopati tutti, compresi giovani, amatori, evasori e via dicendo, mettiamoci l’anima in pace, e guardiamoci il Tour de France. Perché doping o non doping, la vita senza le grandi corse a tappe in tv sarebbe di una noia mortale.

Lascia un commento

Archiviato in bar sport, giornalismi d'antan

Le ragioni di un grido

BInv8O9CYAIaMTG

Quella tra immigrati e autoctoni è una lotta antica quanto la disputa sulla nascita di uovo e gallina. Nel tempo è mutata la situazione sociale, se anni fa erano i lavoratori a spostarsi e ad essere vessati sia dal padrone che dai suoi compaesani, oggi tocca a studenti e precari di vario genere. Si emigra per andare all’università invece che in fabbrica.

L’esperienza personale mi porta a parlare di Pisa, dove la situazione non è proprio uguale a quella delle altre città universitarie. Non lo è principalmente perché pisamerda è un urlo conosciuto e apprezzato in tutta italia –merito dei livornesi? chissà –, non vale lo stesso, ad esempio, per Perugia, dove l’università è grande ma Perugiamerda lo urlano soprattutto i ternani. Non che Perugia non abbia i suoi terribili problemi, ma Pisamerda, insomma, va oltre il campanilismo.

La difesa tipica del pisano a tali insulti rende al meglio le caratteristiche di questi simpatici esseri alimentati a luminare: “boia se dici tanto pisamerda, perché non stai a casa tua?” Vivendo a Pisa si ha la sensazione di sentire questa espressione ovunque. Nei negozi, nei bar, per strada. Sembra sempre di essere di troppo, di impicciare.

C’è però un dettaglio non trascurabile: l’economia pisana si regge sugli immigrati. Le catapecchie del centro affittate a mille euro al mese hanno permesso ai pisani di comprarsi la casina fuori città col giardino, una speculazione tipicamente italiana. Il cliente ha sempre ragione, dice la teoria del commercio. A Pisa, questo non vale. Qui il cliente deve pagare e basta, senza aspettarsi troppo in cambio. Ogni volta che si entra in un bar ci si aspetta di sentirsi dire “il caffè te lo fai da te, ma prima fai lo scontrino”. E’ per questo e per tante altre ragioni (viabilità, clima tropicale,vita poco mondana,enrico letta), che mezzo mondo urla pisamerda. La risposta tipica a osservazioni di questo tipo è: “in tutte le città universitarie è così”. E’ vero, ciò però non toglie i motivi di chi dice pisamerda. Al massimo giustifica chi dice Firenzemerda abitando a Firenze. Per carità, stare a Pisa è una scelta, e la speculazione un facoltà dei pisani, immorale ma comunque più che legittima. Ciò non toglie, anzi lo giustifica, il diritto sacrosanto del cliente di urlare pisamerda. Un buon commerciante si chiederebbe il perché, il pisano scrolla le spalle pensando boiadé.

Ad ogni modo, per concludere qualsiasi discorso sull’annoso tema pisamerda basta una semplice domanda: cari strenui oppositori del grido pisamerda, orgogliosi difensori della pisanità di Galileo e Fi Bonacci, ce lo spiegate perché quasi più nessuno di voi abita in centro a Pisa? Chi, come me, urla pisamerda almeno abita a Pisa, non a Calci,Cascina,San Giuliano,Pontedera e via dicendo. Facile parlare dal proprio giardino dove la sera tira l’arietta, senza magrebini che si scannano sotto casa.  Venite in trincea, venite a Pisa, e poi vediamo cosa ne pensate.

16 commenti

Archiviato in bar sport, biografologia, io me piasse ncolpo

Scelte di vita

Addio balotelliI corsi e ricorsi della vita ti mettono, prima o poi, di fronte a scelte che la ragione non può affrontare. Un episodio, una coincidenza, un incontro inaspettato, un ritorno, intaccano la base su cui appoggia la vita solida che ti sei costruito a fatica.  E’ sempre così, la mente piazza staccionate che il cuore salta a piedi pari, aiutato dall’olio omonimo. Come reagire? C’è chi si nasconde, finge di non pensarci. Non è successo, e se è successo, non me ne sono accorto. C’è chi gestisce, calcola costi e ricavi di ogni espressione. C’è chi cede, magari cercando prima qualche appiglio, qualche mal comune in giro. Lo fanno tutti, si vive una volta sola, non mi vede nessuno.

Eccolo qua, uno di quei momenti. L’etica di anni di fantacalcio senza comprare gobbi e bilanisti si scontra con lui, Mario, lui che ti ha fatto battere il cuore. Ora se lo è comprato berluscazzi, vestirà rossonero. Cosa fare? Calpestare la propria etica in nome del cuore, o augurargli buona fortuna, lontano dalla tua fantasquadra? Non è facile, non sarà facile. La vita è un romanzo scritto male, piena di conflitti non richiesti e colpi di scena inopportuni.

Lascia un commento

Archiviato in bar sport, biografologia

Dalla Bulgaria col furgone

Era settembre quando Sofia Romanov, donna bulgara in carriera, decise di portare aria nuova nel volley pisano. Ha scelto il suo obiettivo, il torneo del Cusse, ed ha scelto i suoi giocatori, indicandogli una bottiglia di champagne. Nella sua lingua significa: vincere o perdere, purché ammaliando. Sofia ha quasi due anni, è cresciuta in Bulgaria sognando di seguire le orme di Zdenek Zeman. A sua madre, come prima parola, ha detto “attacca”. La marcia del suo team, CSKA Sofia, è cominciata oggi. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in bar sport, biografologia

L’assedio dei magistrati

toghe rossonerazzurre

I magistrati intercomunisti colpiscono ancora. Ieri sera si è consumata l’ennesima azione delle toghe rossonerazzurre, come al solito ai danni dei loro acerrimi nemici. Allo juvestédium, dove mai nessuno aveva vinto, i magistrati hanno mandato in campo una squadra di poliziotti americani della divisione soccer&running, mascherati con apposite casacche nerazzurre. Il tutto, ovviamente, d’accordo con la famiglia Moratti. Ne è uscito un piano perfetto, lo sverginamento dello juvéstedium. Prima di ieri lo stadio torinese conteneva 41mila persone, ora ce ne entrano 50mila, belle comode.

I magistrati intercomunisti lavorano giorno e notte per due obiettivi: assediare la juventus e berlusconi. Con l’aiuto dei migliori attori italiani, inventano intercettazioni telefoniche ogni giorno. Fanno parlare Moggi con gli arbitri, Ruby ed Emilio Fede, poi da lì fanno partire migliaia di processi volti a rovinare l’immagine dei loro nemici. Ogni minimo pretesto è buono per sfilare scudetti alla juventus o condannare berlusoni a marcire in galera. Finora, però, sono stati constrastati molto bene. Berlusconi non è mai andato in galera, la juventus ha continuato a vincere.

Ieri sera, però, i luridi magistrati intercomunisti si sono presi una piccola soddisfazione, merito del loro grande acume. Dopo aver creato ad arte una situazione sfavorevole per la juventus, annullando gol regolari del Catania e validando gol irregolari della juve, sono arrivati alla partita piazzando il carico da undici: altro gol irregolare dei bianconeri, altra validazione. Il clima è diventato pesante, la juve non ha saputo reggere ai sensi di colpa e si è sciolta come una donna strabica al cospetto di andrea agnelli.  Al resto ci hanno pensato la divisione Soccer&Running, guidata dal commissario Stramaccioni.

La lotta tra i magistrati intercomunisti e i loro nemici non è ancora finita, né finirà mai.

2 commenti

Archiviato in argite, bar sport, il gatto Silvio

Graziella

La Graziella, considerata sostanza dopante già dal 1975

Siccome sono un radical chic, leggo Il Post spesso e volentieri. Tramite questo sito, e non altrimenti, ho letto un articolo apparso sul Corriere della Sera (di solito lo evito come la peste). Autore: lo scrittore Mauro Covacich. Argomento: versione abbellita della soluzione bar sport al problema doping. Il succo è dunque il solito: lo sport è spettacolo, tanto vale liberalizzare il doping, così andrebbero tutti alla pari. Finale con postilla utopistic-buonista: “però se sapremo appassionarci anche ai dilettanti, il sistema fallirà”. Nel testo si parla, vivaddio, anche di ciclismo. Anche qui il bar sport domina, con la solita tesi: con tappe di 250 km sempre ai 50 all’ora, ovvio che si dopino. A sostegno dell’argomentazione: negli ultimi vent’anni non ricordo un campione del ciclismo che non abbia avuto qualche problema con l’antidoping.

Controprova per l’ultimo teorema, primi due nomi che mi vengono in mente: Cadel Evans (Tour 2011, Campionato del Mondo 2009), Damiano Cunego (Giro 2004, classiche di un giorno). Risalendo nel vortice del ragionamento, dettagli tecnici sulle medie orarie a parte, non ci vuole molto a capire come non sia l’entità dello sforzo a “favorire” il ricorso al doping, ma l’agonismo. Ci si dopa nei 100 metri come nella marcia 50km. Nonostante queste lievi contraddizioni, ci si riprende poi con la soluzione finale: tanto conta solo lo spettacolo (è tutto un magna magna!), dovremmo appassionarci anche ai dilettanti (la gente si deve svegliare!). Il bar acclama l’avvenuta dimostrazione con un “oooh!” collettivo,quindi è giunta l’ora di pranzo e si va tutti a casa.

E io che credevo che per essere scrittori fosse necessario non far esclamare ai propri lettori: grazie al cazzo, questa la scrivevo anche io.

1 Commento

Archiviato in argite, bar sport, giornalismi d'antan

Differenze

Che sudata, anche io, quel giorno lì

E così Lance Armstrong si arrende, dice basta. Non al ciclismo, ma alla difesa davanti ai giudici: alle accuse di doping non risponderà più, si rimette alla clemenza della corte. Il primo risultato sarà quello di vedersi tolti i 7 tour de France vinti consecutivamente, record dei record, per quanto ormai resta tramandabile solo per via orale. Nel concludere la sua dichiarazione, il Cowboy texano ha chiuso con la frase ad effetto: “Io lo so chi ha vinto quei 7 Tour de France.” Sebbene con molto più stile, è la parafrasi dei 30 sul campo con cui la famiglia Agnelli sta addobbando tutto il proprio vestiario. C’è però una differenza grossa.  Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in argite, bar sport, biografologia