Archivi tag: bossi

La bella lava al fosso

L'italia divisa

Ravanei, remulàs, sbarbabietole e spinàs, daghela al terùun, daghela al terùn. Bossi ha mostrato la mappa della secessione. Aldilà delle valutazione politica, il punto cruciale è: l’Umbria è in terronia. C’eravamo illusi di essere gente del nord, grazie ai confini padani presenti sulle previsioni meteo de La Padania, invece no. Siamo terroni. Questo ci libera di un grosso peso, la responsabilità di essere gente del nord ci stava opprimendo, mentre ora possiamo liberare i nostri istinti.

Cominceremo subito col costruire ovunque, con preferenza per le spiagge. Non avendo il mare, costruiremo una serie di palazzi intorno al lago Trasimeno, il fatto che non sia un mare risulta un vantaggio: potremo stendere fili per stendere la biancheria da una sponda all’altra. Le nostre strade non verranno più mantenute, la E45 si riempirà di buche e di salti di carreggiata. La droga, finalmente, girerà a fiumi. La troveremo per strada al posto degli ortolani, ci darà da vivere e poi ognuno ha i suoi vizi, perché nasconderlo. Il posto pubblico sarà il traguardo per antonomasia. Intere famiglie, portatrici di voti, saranno tutte impiegate in scrivanie qualsiasi. Urleremo, dando l’impressione di crederci, che la mafia non esiste, nonostante quello (poco) che scrivono i giornali. Addio pioggia e neve, avremo solleone d’estate e giusto un po’ di umidità d’inverno. E poi emigreremo! Andremo al nord in cerca di lavoro, facendoci spedire i pacchi pieni di torcolo e torta al testo, più il pane sciapo e il prosciutto salato. Saremo pieni di nostalgia per la nostra terra verde, ma sconsolati diremo: “eh laggiù non c’è niente da fare”.

Grazie Bossi. Finalmente possiamo essere terroni anche noi.

Annunci

1 Commento

Archiviato in argite

Va’ Pensiero che tulì è bulo

 

I giovani padani umbri

 

I riflettori sono tutti puntati in Sudafrica, ma il grande calcio internazionale è stato di casa anche a Novara. In un paesino della bassa, Novarello, si è svolto il mondiale della Padania, chiamato Padania Cup. Su un campo di calcetto in mezzo alle risaie, le nazionali giovanili di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, ed Emilia si sono giocate il titolo più ambito. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in argite, bar sport, io me piasse ncolpo

Natale leghista

E’ natale anche nelle fredde valli di Bergamo, Brescia e Treviso, i boscaioli si scambiano accettate di auguri e i piccoli cumenda col mercedes comprato in contanti si preparano ad un cenone pantagruelico, a base di polenta e osei ovviamente. La Lega Nord continua la sua attività, sempre sul filo del razzismo, ed approfitta del natale per mandare il suo messaggio. Questo lo spot commissionatomi dalla sezione betlemmese del partito guidato dal malato Bossi. A breve un manuale con la spiegazione delle figure per Renzo Bossi, giovane rampollo leghista non famoso per l’argume.

Lascia un commento

Archiviato in argite, Cinematografo

Diarijo Sloveno #2 – Le hostess della grande Inter

Salame italiano con culi sloveni (foto by attore della El Por Nardon)

Salame italiano con culi sloveni (foto by attore della El Por Nardon)

Primo giorno di fiera, c’è tensione per il debutto e perché oggi arrivano le nostre commesse. Sono tre e tutte ventenni, così ci ha detto la vecchia matta dai capelli rosci che procura ragazze a chiunque le voglia. Alle 8.30 l’attore della El Por Nardon (che preferisce mantenere segreta la sua identità) le va a prendere e le porta dietro il banco, dove io dovrò spiegargli in cosa consiste il loro lavoro. Fingo sicumera, ma in realtà l’attesa mi logora dentro. Saranno belle? Parleranno inglese? Potrò fingere di essere un dandy decadente italiano che suona strumenti del cazzo perché sono alternativo? Non ho tempo di pensare ai miei dubbi che eccole arrivate. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in biografologia, José Mourinho premier, salami in vetrina