Archivi tag: leopolda

Cambiare faccia, adesso

Invece di protestare, apritevi un fondo d'investimento alle Cayman

Invece di protestare, apritevi un fondo d’investimento alle Cayman

Piazzale Loreto è piena di lampioni, ieri mussolini, oggi berlusconi.

La cantavamo a squarciagola nel 2002, al Circo Massimo. Il signor B. voleva cancellare l’articolo 18, la piazza rispose a voce alta. Eravamo una marea di gente. Sono passati dodici anni, in teoria qualcosa dovrebbe essere cambiato. Ad esempio, nel 2002 una connessione ADSL costava l’ira di dio e non era disponibile ovunque. Le penne USB erano da 128 Mb. Avevamo tutti un nokia 3310.

Dopo tutto questo tempo, il governo vuole di nuovo cancellare l’art.18 e la piazza ha risposto come allora. Con tutti i distinguo del caso –non esiste ancora una vera e propria proposta di legge, Renzi lo ha solo detto e contraddetto ogni tanto– e nonostante in questi anni sia successo un po’ di tutto, siamo ancora all’articolo 18. Siamo ancora al “per creare lavoro dobbiamo poter licenziare” .  Ieri a Roma mancava un po’ di gente, rispetto a dodici anni fa. Quella gente che ieri ha scelto, seppur idealmente, la riunione di Renzi con gli imprenditori. Fulminati dalla rottamazione renziana, si sono ritrovati come i grillini: in un mondo tutto loro dove il loro amato Renzi fa e dice ciò che si aspettano dal loro premier. A chiedere la stessa cosa a due renziani, si ottengono due risposte diverse seguite dallo stesso finale: sei un gufo.
Dopo otto mesi in cui l’unica mossa del governo sono stati i famosi 80 euro per vincere le elezioni, dopo otto mesi con risultati economici miseri, dopo una finta rottamazione con tutti i “capoccioni” rimasti a dirigere le aziende pubbliche,  dopo il famigerato patto con Berlusconi: gli innamorati di renzi, sono ancora lì, a credere che il loro beniamino stia facendo davvero quello che aspettavano da tanti anni. Quello per cui nel 2002 manifestavano insieme a noi.

Per fortuna, anche la droga più potente prima o poi non ha più effetti. I nostri amici renziani tra non molto capiranno di non avere niente a che spartire con il mondo dell’alta finanza che va a braccetto con Renzi. Si renderanno conto, ad un certo punto, di essere finiti a cantare la stessa messa dei berluscones: “qui c’è l’Italia che crea lavoro!” (complimenti per i risultati..). “Il diritto allo sciopero crea disoccupazione!” (e invece i fondi d’investimento con base alle Cayman cosa creano?). “I gufi non ci fanno lavorare!” (ringraziateli allora…)

A presto, amici renziani.

1 Commento

Archiviato in giornalismi d'antan, il gatto Silvio